Skip to main content
Web Design

SEO per immagini: la tua guida definitiva

Prendersi del tempo per ottimizzare le tue immagini per la SEO è un passo semplice e importante per rendere il tuo sito web più competitivo nei motori di ricerca. È il tipo di piccola cosa che molte aziende si lasciano sfuggire, ed è proprio per questo che farlo può darti un vantaggio competitivo nell’intrappolare le tue parole chiave target nelle SERP (pagine dei risultati dei motori di ricerca). 

E come con molte best practice SEO, la maggior parte dei passaggi coinvolti nella SEO delle immagini migliora anche l’esperienza dei visitatori. Quindi il lavoro che ci dedichi non solo aumenterà le possibilità che le persone possano trovare il tuo sito, ma significherà anche che gli piacerà di più una volta che ci saranno. 

 

Perché le immagini sono importanti per la SEO

Gran parte del modo in cui comprendiamo la SEO riguarda il testo e le parole chiave, ma anche le immagini hanno un ruolo da svolgere. Per prima cosa, sono una parte enorme dell’esperienza dell’utente.

Pensaci: se ti trovassi su una pagina web che sembrava un documento di Word con nient’altro che testo su uno sfondo bianco, non ti sentiresti come se il sito web fosse affidabile o memorabile.

Nel corso degli anni, i ricercatori hanno condotto studi che confermano che le immagini aiutano le persone a elaborare le informazioni più velocemente e ricordarle in modo più efficace. Ciò significa che le immagini possono rendere i contenuti del tuo sito web più potenti e coinvolgenti. 

Le immagini sono una parte importante del modo in cui viviamo una pagina web. Questo è importante per la SEO perché l’algoritmo di Google presta attenzione alle metriche comportamentali che riflettono l’esperienza dell’utente, come le frequenze di rimbalzo e la quantità di tempo che i visitatori trascorrono su una pagina web.

E le immagini possono anche essere ottimizzate per aumentare in modo più diretto anche la SEO. Laddove la maggior parte dei visitatori della tua pagina vedrà solo l’immagine stessa, i crawler dei motori di ricerca vedono il testo dietro l’immagine che puoi compilare per dire loro cosa vuoi che vedano.

 

12 suggerimenti per migliorare il tuo SEO per le immagini

Segui questi suggerimenti per ottimizzare le immagini sul tuo sito web per i motori di ricerca.

1. Utilizza immagini pertinenti e di alta qualità.

Questo è fondamentale per il lato dell’esperienza utente del SEO. Un’immagine non correlata al contenuto della pagina creerà confusione per l’utente e un’immagine sfocata o ritagliata in modo errato renderà la tua pagina brutta e poco professionale. Assicurati che ogni immagine che utilizzi abbia una chiara relazione con il contenuto della pagina e abbia un bell’aspetto.

Devi stare attento a non utilizzare immagini di cui non hai i diritti, ma puoi trovare molte risorse online che forniscono immagini gratuite che le aziende possono utilizzare. E gli strumenti di progettazione fai-da-te come Canva ora rendono la creazione di grafica originale conveniente, veloce e facile, anche per i non designer. 

Impegnati un po ‘di tempo per ogni pagina che crei e post sul blog che pubblichi per trovare almeno una buona immagine da includere: punti bonus se riesci a trovarne alcune.

2. Personalizza il nome del file.

Questo è uno di quei passaggi così facili che è sorprendente che tutti non lo facciano.  

Prima di aggiungere un’immagine al tuo sito web, dedica del tempo alla personalizzazione del nome del file. Modificalo in qualcosa di pertinente all’immagine e, se possibile, includi una delle tue parole chiave di destinazione per la pagina. Ad esempio, se la tua pagina web riguarda un prodotto zaino che vendi, l’immagine potrebbe avere un nome simile a brandname-backpack.jpg.

La maggior parte dei visitatori non vedrà mai il nome del file, ma ti dà un modo per fornire ai motori di ricerca un po ‘più di informazioni su cosa c’è nella pagina e le migliori parole chiave da associare ad essa.

3. Usa il testo alternativo.

Questa è un’altra parte della pagina web che la maggior parte dei visitatori non vedrà, ma i crawler dei motori di ricerca sì. Puoi fornire testo alternativo per ogni immagine che aggiungi al tuo sito web che verrà visualizzato al posto della tua immagine se un browser ha problemi a caricarla o se un visitatore utilizza uno screen reader. 

Questo testo è un’altra parte della pagina che puoi utilizzare per segnalare ai motori di ricerca di cosa tratta la pagina. Aggiorna sempre il testo alternativo per le tue immagini. Includi la tua parola chiave principale per la pagina e qualcosa di descrittivo dell’immagine stessa. Se usi WordPress , c’è un campo di testo alternativo che puoi compilare per farlo.

come aggiungere testo alternativo all'immagine in wordpress

Se preferisci utilizzare HTML, puoi aggiungere alt = “your alt text” al tag immagine.

Il testo alternativo è utile per la SEO ma, cosa altrettanto importante, è un buon modo per migliorare l’accessibilità del tuo sito web. Quindi quei pochi minuti che impieghi per dare una spinta alla tua SEO possono anche rendere l’esperienza del tuo sito web più inclusiva per i visitatori. 

4. Aggiungere didascalie alle immagini. 

Le didascalie sono ancora un altro campo di testo che hai la possibilità di includere per ogni immagine sul tuo sito web, ma questa volta è quello che i tuoi visitatori possono vedere. Quando ha senso, usa il campo della didascalia per aggiungere una spiegazione dell’immagine o per fornire ulteriori informazioni a riguardo allo spettatore.

Le didascalie delle immagini possono potenzialmente essere un’ulteriore opportunità per includere la parola chiave di destinazione nella pagina, ma non forzarla. Includi una didascalia solo se esiste un modo naturale per farlo che non toglie nulla all’esperienza del visitatore. 

L’aggiunta di didascalie è una buona idea in generale, ma non esiste una regola chiara su come utilizzarle al meglio. In alcuni casi, le didascalie possono essere una buona opportunità per aggiungere un po ‘di personalità o inserire una battuta. Se ciò migliora l’esperienza dell’utente più che aggiungere la tua parola chiave migliorerebbe il tuo SEO, allora è l’opzione migliore. Usa il tuo miglior giudizio qui. 

5. Ridurre la dimensione del file immagine. 

Fai il duro lavoro di trovare o creare un’immagine, il passo successivo è caricarla sul tuo sito, giusto? Non ancora.

Spesso, la dimensione del file di un’immagine è molto più grande di quanto deve essere per la dimensione che verrà visualizzata sul tuo sito web. Prendendo alcuni secondi prima di caricarlo per ridurre le dimensioni del file, puoi assicurarti che non rallenti il ​​tuo sito web. La velocità del sito è un fattore di ranking SEO, quindi se i tuoi visitatori devono aspettare un po ‘per il caricamento di una pagina sul tuo sito, è negativo per l’esperienza utente e il tuo SEO.

Se utilizzi un CMS come WordPress, ridimensionare l’aspetto di un’immagine sul tuo sito Web dopo averla caricata nel CMS è semplicissimo, ma significa che hai ancora le grandi dimensioni del file che rallentano le cose sul back-end.

Puoi rendere il tuo sito web più veloce mentre visualizzi le immagini ad alta risoluzione ridimensionando i tuoi file immagine prima di caricarli sul tuo sito web. Spesso questo è facile da fare con i programmi forniti di serie sulla maggior parte dei computer, come il programma Anteprima di Mac o Microsoft Paint. Oppure, se disponi di Adobe Photoshop, puoi utilizzare il comando “Salva per Web” per trovare la dimensione del file più piccola che fornisca comunque una buona risoluzione.

Dopo il ridimensionamento, puoi comunque ridurre le dimensioni del tuo file immagine senza sacrificare la qualità comprimendoli. Dai un’occhiata a strumenti come TinyPNG e JPEGmini per semplificare questo processo.

Compressione delle immagini TinyPNG

6. Trova il giusto rapporto qualità-dimensione.

Questa parte è un po ‘complicata, perché vuoi che le tue immagini abbiano un bell’aspetto (vedi: la parte “alta qualità” di # 1), ma non vuoi che siano abbastanza grandi da rallentare il tuo sito web.

Quindi, mentre esegui i passaggi precedenti, tieni gli occhi aperti per assicurarti che la tua immagine non diventi improvvisamente sfocata o inizi a mostrarsi così piccola che non puoi dire di cosa si tratta.

Prova ogni immagine sul tuo sito web su più tipi di dispositivi e dimensioni dello schermo per assicurarti che sia ancora a posto anche dopo aver ridotto le dimensioni. A volte si tratta di trovare il giusto mezzo tra la dimensione del file e la qualità visiva.

7. Scegli il tipo di file corretto.

Probabilmente hai notato che ci sono tre tipi principali di file di immagine, ma potresti non capire veramente la differenza tra ciascuno. Comprendere i diversi tipi di file può aiutarti a scegliere quello migliore per le tue esigenze:

  • JPG è uno dei formati di file più comuni perché utilizza file di piccole dimensioni ed è ampiamente supportato. Ma la qualità dell’immagine non è sempre buona come con i file PNG e il formato non supporta sfondi trasparenti, quindi ci sono alcuni casi in cui JPG non funziona.
  • PNG è un formato di file per immagini che fornisce un’alta risoluzione e può supportare una descrizione testuale dell’immagine utile per la SEO. Lo svantaggio principale di PNG è che tende a richiedere file di dimensioni maggiori rispetto a JPG e GIF. Spesso è meglio per immagini complesse e quelle che includono testo.  
  • GIF non supporta un’ampia gamma di colori come gli altri due, ma può essere una buona scelta per immagini più semplici. Supporta file di piccole dimensioni e sfondi trasparenti.
diversi tipi di file immagine gif vs jpg vs png

Per le foto, JPG spesso funziona bene. Per la grafica progettata, GIF e PNG sono più comuni e se hai bisogno di una versione di qualità superiore, PNG è la strada da percorrere.

8. Aggiungi immagini alla tua mappa del sito.

Google incoraggia i proprietari di siti web a inviare loro una mappa del sito per aiutarli a eseguire la scansione delle tue pagine e aggiungerli all’indice. Consentono inoltre di includere immagini nella mappa del sito o, in alternativa, di creare una mappa del sito di immagini separata da inviare.

Se utilizzi WordPress, ci sono plug-in che puoi utilizzare per generare una mappa del sito di immagini per te, come Google XML Sitemap for Images e Undira All Image Sitemap . Se preferisci farlo da solo, Google fornisce informazioni sulla creazione di una mappa del sito di immagini qui .

Fornendo a Google informazioni chiare sulle immagini sul tuo sito web, aumenti la probabilità che vengano visualizzate in Google Ricerca Immagini, il che aumenta la reperibilità complessiva del tuo sito web.

9. Usa immagini Responsive.

Ormai, probabilmente hai sentito tutto sui siti Web responsiveDiventare reattivo è il modo migliore per assicurarti che il tuo sito web abbia un bell’aspetto su tutti i tipi di dispositivi, indipendentemente dalle dimensioni dello schermo, assicurandoti che tutti gli utenti vedano le stesse informazioni. L’utilizzo di immagini reattive fa parte di questo.  

Quando aggiungi un’immagine al tuo sito web, puoi renderla reattiva utilizzando il codice HTML srcset . Ciò consente ai browser di sapere di selezionare la dimensione del file immagine che ha più senso per la dimensione dello schermo su cui si trova l’utente automaticamente e di caricarla. È uno strumento super conveniente che si prende cura del dimensionamento reattivo per te, quindi non devi preoccuparti. 

Se hai sentito “codice HTML” e in pratica hai iniziato a sintonizzarti, non preoccuparti. Se il tuo sito web funziona su WordPress, il CMS si occupa di questo per te. Finché utilizzi WordPress 4.4 o versioni successive (che dovresti sicuramente essere ormai), alle tue immagini verrà automaticamente applicato il codice srcset senza che tu debba fare nulla. 

10. Utilizzare il lazy loading.

Essere pigri non è sempre una brutta cosa, e sicuramente non quando si parla di caricamento pigro.

Il caricamento lento è una tecnica che può aumentare la velocità di caricamento del tuo sito web facendo aspettare il tuo sito web per caricare le immagini più in basso nella pagina per ultime. I visitatori non saranno bloccati in attesa di vedere alcun contenuto mentre il loro browser cerca di caricare tutto sull’intera pagina, invece possono iniziare a vedere gli elementi più importanti della pagina e fidarsi che il resto verrà caricato nel momento in cui arrivano lì.

Questa tattica può essere particolarmente utile per i siti Web con pagine lunghe. Se la visualizzazione della pagina intera sul tuo sito richiede molto scorrimento, perché i visitatori dovrebbero attendere il caricamento delle immagini nella parte inferiore della pagina prima di poter leggere il testo in alto? 

Se utilizzi WordPress, il modo più semplice per implementare il caricamento lento è con un plug-in. Il caricamento lazy loading è una delle tante funzionalità incluse nel plug-in JetPack se vuoi seguire quella strada. Oppure puoi considerarne uno che fornisce solo caricamento lento, come a3 Lazy Load o Lazy Load .

11. Utilizzare lo schema per prodotti e ricette, se pertinente.

Il markup dello schema è uno strumento in più per dire a Google cosa c’è in una pagina. Per alcuni tipi di contenuto, fornisce ai motori di ricerca dati che li aiutano a fornire informazioni utili agli utenti direttamente sulla SERP.

Quando cerchi una ricetta o un prodotto e vedi valutazioni a stelle, calorie, prezzi o informazioni sull’inventario accanto al risultato in Google, è perché il sito web utilizza il markup dello schema.

Il markup dello schema è rilevante solo per alcuni tipi di contenuto, ma se il tuo sito web include questi tipi di contenuto, allora è un modo intelligente per ottimizzare ulteriormente il tuo sito. L’utilizzo del markup dello schema pertinente può potenzialmente rendere alcune delle tue pagine più evidenti nei risultati di ricerca includendo la tua immagine accanto al risultato. E all’interno della ricerca di immagini, Google utilizzerà spesso uno schema per visualizzare un badge nei risultati che indica agli utenti il ​​tipo di contenuto per l’immagine.

12. Ospita immagini sul tuo sito.

Sebbene si possa essere tentati di ospitare la propria immagine su un sito Web di terze parti come Imgur per risparmiare spazio, ciò comporta un rischio reale. Ogni volta che quei siti sono sovraccarichi di traffico, le tue immagini potrebbero non caricarsi, creando un’esperienza confusa sul tuo sito web e facendo sembrare il tuo marchio brutto.

Sarai servito meglio ospitando le immagini sul tuo sito web e usando i consigli forniti sopra per ridurre le dimensioni del tuo file immagine in modo che non rallentino le tue pagine web più del necessario. E quando ti rivolgi a un provider di hosting affidabile , saprai sempre che le tue immagini (e il resto del tuo sito Web) verranno visualizzate come dovrebbero per i tuoi visitatori.

Trova il tempo per la SEO delle immagini

La SEO delle immagini è relativamente facile, per quanto riguarda la SEO. Impegnandoti un po ‘di tempo in più per trovare le immagini giuste e ottimizzarle per la ricerca ogni volta che aggiungi una pagina al tuo sito web, puoi dare alle tue pagine un vantaggio in più nei motori di ricerca.

Leave a Reply

Rispettiamo la tua privacy!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

Privacy & Cookie Policy