Skip to main content
Web DesignWordPress

Aggiornamento SEO di Google Page Experience: il tuo sito è pronto?

A partire da maggio, Google cambierà il modo in cui classifica i siti nei risultati di ricerca, sulla base di una nuova serie di criteri che chiama il segnale di ranking dell’esperienza della pagina. Queste modifiche potrebbero aiutare il rendimento del tuo sito nei risultati di ricerca, se sei preparato.

Cos’è un segnale di ranking?

Un segnale di ranking è il termine di Google per un attributo del sito Web che utilizza per determinare dove deve essere posizionato il sito nei risultati di ricerca. I motori di ricerca come Google aggiornano frequentemente i loro segnali di posizionamento e ne testano di nuovi, quindi è importante che i proprietari dei siti stiano al passo.

(Puoi tenere il passo con le tendenze SEO su questo blog e approfondire il blog di Search Central di Google .)

Qual è il nuovo segnale di ranking “Esperienza di pagina”?

Il segnale di ranking dell’esperienza della pagina è una miscela di segnali esistenti e Google Core Web Vitals. come “metriche della velocità della pagina progettate per aiutare i proprietari del sito a capire il rendimento del loro sito”.

Diagramma dei segnali di esperienza sulla pagina di Google, che includono i principali parametri vitali web, ottimizzato per i dispositivi mobili, navigazione sicura, HTTPS e interstitial non intrusivi.
Immagine: Google Search Central

Gli altri quattro elementi che influenzeranno l’esperienza della pagina sono l’ottimizzazione per i dispositivi mobili del sito, l’assenza di contenuti dannosi come malware e pagine di phishing, la presenza di HTTPS per crittografare i dati che i visitatori immettono nel sito e la mancanza di pop invadenti. UPS che bloccano la visualizzazione dei contenuti del sito da parte dei visitatori.

Che cosa significa l’implementazione del segnale di ranking della pagina per i proprietari di siti web?

Ci sono tre cose fondamentali da sapere sui cambiamenti in arrivo a maggio.

  • Le classifiche di ricerca possono cambiare per molti siti web. Per i siti che stanno andando bene nei risultati ma offrono un’ottima esperienza sulla pagina, questa potrebbe essere un’opportunità per posizionarsi più in alto. D’altra parte, i siti che hanno bisogno di migliorare la loro esperienza sulla pagina potrebbero vedere un calo di ranking fino a quando non risolveranno i loro problemi.
  • Google potrebbe aggiungere etichette nei risultati di ricerca per le pagine che soddisfano tutte le sue aspettative di esperienza di pagina , secondo Search Engine Journal. Se ciò accade, gli utenti probabilmente visiteranno le pagine etichettate più spesso – perché non vorresti un’esperienza migliore – e le pagine senza etichetta potrebbero vedere meno traffico di ricerca.
  • Ora è il momento di controllare le prestazioni dell’esperienza sulla pagina del tuo sito e iniziare a fare miglioramenti se necessario.

Come puoi preparare il tuo sito per l’aggiornamento del segnale di esperienza della pagina? Ci sono cinque passaggi da eseguire ora per vedere come funziona il tuo sito sulla pagina. Iniziamo!

1. Misura i principali dati vitali web del tuo sito

Il nostro post sulla comprensione dei principali dati vitali del tuo sito ti guiderà attraverso i passaggi e gli strumenti necessari per vedere quanto velocemente il tuo sito si carica ora e ricevere suggerimenti per velocizzarlo, che tu sia un proprietario del sito alle prime armi o uno sviluppatore esperto.

2. Dai una nuova occhiata all’ottimizzazione per i dispositivi mobili del tuo sito

Da anni pubblichiamo post sul blog per rendere il tuo sito ottimizzato per i dispositivi mobili . Questo perché avere un sito ottimizzato per i dispositivi mobili è estremamente importante e perché le aspettative per l’ottimizzazione per i dispositivi mobili migliorano sempre.

Se sono passati un paio d’anni da quando hai controllato il punteggio di ottimizzazione mobile del tuo sito, o se non l’hai mai fatto, è il momento.

Vai alla pagina di test di ottimizzazione mobile di Google e inserisci l’URL della pagina che desideri testare.

 

 

Google impiega solo un minuto circa per testare la tua pagina e dare il suo verdetto. Se hai un piccolo sito web, non ci vorrà molto per testare ogni pagina. Se il tuo sito è più grande, potresti concentrarti sulle pagine che contano di più per i tuoi sforzi SEO o su quelle che non si classificano come desideri.

Se Google afferma che le tue pagine non sono ottimizzate per i dispositivi mobili o se menziona problemi di caricamento nella parte superiore del risultato, puoi visualizzare i dettagli in alto e quindi scorrere verso il basso per visualizzare il rapporto sull’usabilità su dispositivi mobili a livello di sito. Ti mostrerà quali pagine non è stato possibile caricare, errori JavaScript e altri problemi, così potrai lavorare per risolverli.

Superare il test di ottimizzazione mobile? Grande! È ora di passare alla navigazione sicura.

3. Verifica se il tuo sito soddisfa gli standard di navigazione sicura

Il malware è una minaccia costante per i proprietari di siti e i visitatori e Google vuole assicurarsi che i proprietari di siti stiano adottando le misure giuste per prevenirlo, insieme a pagine ingannevoli (note anche come pagine di phishing) e download dannosi che possono causare danni ai visitatori.

Verifica di aver eseguito questi passaggi e, in caso contrario, eseguili ora:

  • Registra il tuo sito in Google Search Console in modo da poter ricevere avvisi se Google rileva un problema di sicurezza sul tuo sito.
  • Iscriviti a un affidabile servizio di scansione della sicurezza del sito web , come SiteLock, partner di HostGator.
  • Segui queste sette best practice per mantenere sicuro il tuo sito WordPress .

4. Passa già a HTTPS: la S sta per sicuro!

Sono passati alcuni anni da quando Google ha aggiunto HTTPS come elemento nel ranking di ricerca, ma ci sono ancora siti là fuori che utilizzano HTTP vecchio stile e non protetto. Questo non è buono.

Qual è la differenza? A differenza di HTTP, HTTPS crittografa la comunicazione tra il sito ei suoi visitatori.

Ciò può impedire ai criminali informatici, ad esempio, di vedere i dati della tua carta di pagamento quando li inserisci su un sito di e-commerce o di rubare le tue credenziali di accesso. Può anche impedire ai visitatori di salvarsi perché ricevono un avviso di sicurezza quando atterrano sul tuo sito.

Come fai a sapere se il tuo sito utilizza HTTPS? Inserisci il tuo URL in una barra del browser e guarda quale icona compare a sinistra quando il tuo sito viene caricato.

È un lucchetto? Sei bravo!

5. Esamina i tuoi interstitial

I popup sul tuo sito web possono aiutare le persone a trovare codici promozionali, iscriversi a offerte e visualizzare facilmente la tua politica sui cookie. Ma a nessuno piace quando un popup è la prima cosa che vede quando fa clic su un sito dai risultati di ricerca, specialmente quando naviga su un telefono.

Nemmeno a Google piace, quindi penalizza i siti che utilizzano popup che coprono il contenuto principale della pagina o che sembrano confusamente simili ai contenuti above the fold del sito.

Esempi di Google di pop-up invadenti
Esempi di Google di pop-up invadenti

Le alternative che non verranno penalizzate da Google includono popup con pulsanti chiari per attività come avvisi sui cookie e verifica dell’età, nonché popup più piccoli in stile banner che non coprono la pagina:

Esempi di Google di pop-up OK
Esempi di Google di pop-up OK

Se sono presenti popup che creano blocchi stradali per gli utenti mobili, modificane le dimensioni e aggiungi pulsanti che consentono agli utenti di ignorarli più facilmente.

Eseguire tutti questi passaggi può sembrare un lavoro impegnativo, ma ne vale la pena per un posizionamento migliore nella ricerca e per la migliore esperienza che crea per i visitatori del tuo sito.

Vuoi saperne di più su come far funzionare la SEO per la tua azienda? Guarda il nostro webinar sull’utilizzo di Google Search Console per migliorare il tuo SEO .

Leave a Reply

Rispettiamo la tua privacy!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

Privacy & Cookie Policy